L’Opera di Padre Marella, il cuore di Bologna

Un icona bolognese per eccellenza. L'aiuto concreto ai poveri durante la sua vita lo ha posto tra i tanti personaggi da ricordare e tramandare alle prossime generazioni come vero esempio di umanità. Evento organizzato dall'Associazione Famèja Bulgnèisa. Presenta Paolo Bedeschi membro del Consiglio Direttivo con la partecipazione di Padre Gabriele Digani e introduzione a cura della Presidente la Prof.ssa Gabriella Sapori.

Vedi

Profughi e rifugiati - Intervista a Sulayman Camara

Intervista a Sulayman Camara nell'ambito della conferenza "Profughi e rifugiati, l'accoglienza in Italia" con Gian Carlo Perego già direttore della Fondazione Migrantes, Arcivescovo di Ferrara-Comacchio e Sulayman Camara richiedente protezione internazionale, mediatore culturale. 21 novembre 2017, Auditorium gamaliele, Bologna. A cura del Centro Studi "G.Donati"

Vedi

Padre Gabriele all'angolo di via Orefici

Nelson Bova intervista Padre Gabriele Digani, direttore dell'Opera Padre Marella, nel suo angolo di via Orefici a Bologna.

Vedi

Profughi e rifugiati, l'accoglienza in Italia - Conferenza completa

Incontro con Gian Carlo Perego già direttore della Fondazione Migrantes, Arcivescovo di Ferrara-Comacchio e Sulayman Camara richiedente protezione internazionale, mediatore culturale. 21 novembre 2017, Auditorium gamaliele, Bologna. A cura del Centro Studi "G.Donati"

Vedi

STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE “FRATERNITA’ CRISTIANA OPERA DI PADRE MARELLA CITTA’ DEI RAGAZZI

 

DENOMINAZIONE – SCOPO – SEDE- DURATA DELL’ASSOCIAZIONE

 

Art. 1
L’Associazione laicale a scopo di religione già denominata “Fraternità Cristiana” assume la denominazione di “Fraternità Cristiana Opera di Padre Marella Città dei Ragazzi” e costituisce la propria sede, che già era in Modena, in S. Lazzaro di Savena (Bologna).
Essa sorge e vive sotto la protezione dei suoi celesti Patroni S. Francesco d’Assisi e S. Antonio da Padova e si ispira all’esempio di vita di Padre Olinto Marella.

Art. 2
L’associazione ha lo scopo di diffondere tra il popolo e in particolare tra i giovani e tra chi ha bisogno lo spirito cristiano della fraternità, e così di promuovere opere di culto, di educazione cristiana e di carità cristiana, anche mediante pubblicazioni, senza alcun fine di lucro.
In particolare lo spirito che anima l’Associazione è quello di “Portare Gesù” tra i miseri, con visite alle famiglie povere, con soccorsi a chi ha bisogno e a chiunque è in abbandono, con l’accoglienza in strutture comunitarie; con cure agli infermi e ai vecchi, ai tossicodipendenti, agli ex carcerati, agli immigrati, agli handicappati, con l’istruzione ai fanciulli e ai giovani, e agli emarginati, da seguire senza limiti di età, e con la loro preparazione ai sacramenti e alla vita cristiana, accettando l’associazione tutto da tutti e dando tutto a tutti in spirito di carità, con l’impegno ad estendere in ogni modo la fama della santità di Don Olinto Marella e la memoria religiosa della Sua carità.


Art. 3
L’Associazione ha sede in S. Lazzaro di Savena (Bologna), via dei Ciliegi n. 6, e potrà creare, per deliberazione del Consiglio Direttivo, altre sedi dipendenti in tutto il territorio della Repubblica.


Art. 4
L’Associazione si estingue, oltre che per i motivi previsti dalla Legge, qualora lo scioglimento sia deliberato dall’Assemblea straordinaria con il voto favorevole dei tre quarti degli associati.

 

SOCI – AMMISSIONE – RECESSO – ESCLUSIONE

 

Art. 5
Per far parte dell’Associazione deve essere presentata domanda con l’impegno di prestare volonterosa opera secondo le proprie possibilità e secondo lo spirito dell’Associazione e di non tenere comportamenti inconciliabili con gli scopi dell’Associazione o tali da recare danno morale o materiale alla medesima. Il Consiglio Direttivo decide insindacabilmente sull’accoglimento o meno della domanda.


Art. 6
L’Associato può sempre recedere dall’Associazione senza obbligo di specificare i motivi, uniformandosi a tale riguardo alle disposizioni di legge vigenti. Se il medesimo per qualsiasi motivo non partecipa alle Assemblee e non nomina un delegato, dopo tre assenze consecutive decade dalla qualità di associato.


Art. 7
L’esclusione di un associato viene deliberata dalla Assemblea qualora ricorrano gravi motivi, in particolare violazioni delle norme del presente statuto e/o di legge. E’ fatta salva la mancata prestazione dell’attività di cui all’art. 5 per impedimenti non dipendenti dalla volontà dell’Associato. In caso di urgenza, l’esclusione dell’associato può essere deliberata anche dal Consiglio Direttivo, salva ratifica successiva da parte dell’Assemblea alla sua prima riunione.


Art. 8
La qualità di associato non è trasmissibile né per atto tra vivi né per causa di morte. Gli associati ed i loro eredi od aventi causa, nelle ipotesi di recesso, esclusione o morte, non potranno mai, per alcun motivo, pretendere il rimborso dei contributi e delle oblazioni conferite all’Associazione né pretendere per qualsivoglia titolo la divisione o attribuzione dei beni costituenti comunque il pratrimonio dell’Associazione.

 

ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

 

Art. 9
Sono organi dell’Associazione:
a) l’Assemblea degli associati;
b) il Consiglio Direttivo;
c) il Presidente;
d) il Direttore;
e) il Collegio dei Revisori.

Dove siamo

Contatti

Fraternità Cristiana Opera Padre Marella - Città dei Ragazzi

Via dei Ciliegi, 6
40068 San Lazzaro di Savena - Bologna

Tel: 051 6255070
Cell: 347 3852734
Fax: 051 6255174
E-mail: amministrazione@operapadremarella.it

TUTTI I CONTATTI