L’Opera di Padre Marella, il cuore di Bologna

Un icona bolognese per eccellenza. L'aiuto concreto ai poveri durante la sua vita lo ha posto tra i tanti personaggi da ricordare e tramandare alle prossime generazioni come vero esempio di umanità. Evento organizzato dall'Associazione Famèja Bulgnèisa. Presenta Paolo Bedeschi membro del Consiglio Direttivo con la partecipazione di Padre Gabriele Digani e introduzione a cura della Presidente la Prof.ssa Gabriella Sapori.

Vedi

Profughi e rifugiati - Intervista a Sulayman Camara

Intervista a Sulayman Camara nell'ambito della conferenza "Profughi e rifugiati, l'accoglienza in Italia" con Gian Carlo Perego già direttore della Fondazione Migrantes, Arcivescovo di Ferrara-Comacchio e Sulayman Camara richiedente protezione internazionale, mediatore culturale. 21 novembre 2017, Auditorium gamaliele, Bologna. A cura del Centro Studi "G.Donati"

Vedi

Padre Gabriele all'angolo di via Orefici

Nelson Bova intervista Padre Gabriele Digani, direttore dell'Opera Padre Marella, nel suo angolo di via Orefici a Bologna.

Vedi

Profughi e rifugiati, l'accoglienza in Italia - Conferenza completa

Incontro con Gian Carlo Perego già direttore della Fondazione Migrantes, Arcivescovo di Ferrara-Comacchio e Sulayman Camara richiedente protezione internazionale, mediatore culturale. 21 novembre 2017, Auditorium gamaliele, Bologna. A cura del Centro Studi "G.Donati"

Vedi

L'Umarén con la bèrba e al capél

 

Fradda la sîra

La żänt la s’infila int i bar

O la sméncia vêrs cà.

Dnänz al teâter

I s fairmen i taxi

Col pòbblic dla prémma

Dla Carmen d Bizet.

Bèli tulàtt, bèla żänt,

Bèli dòn cârghi d’ôr

Tòtti chèldu int el plézz,

con al sô sît prenotè

in palcàtt o in platè,

i surîden a tòtt

ciacarànd nel foyer…

Fòra del óss,

såura un scranén,

drî da una clånna

un Umarén,

la bèrba bianca,

al capèl arbaltè,

l’è la cusiänza

dla nostra zité.

Ai vén Nadèl,

alé, tòtt ä fèr spaisa al marchè

par cunprèr quèl ed bån;

int el Pscarî

ai è un féss

ch’al pèr quèsi ch’i vànnden

la roba par gnént.

Banc pén d’incôsa:

sturtlénna, turtlén

e ä sbindlón un sparvêrs ed capón,

tótt ch’i s’adânen

ä méttr int el sport

anc di quî furastîr

che pò i van strasinè…

Pròpri lé d banda,

col sô scranén,

in mèz al fradd,

un Umarén,

la bèrba bianca,

al sô capèl,

l'augûra ä tótt un bån Nadèl.

L’omino con la barba e il cappello

 

Fredda la sera,

la gente s’infila nei bar

o corre verso casa.

Davanti al teatro

si fermano i taxi

col pubblico della prima

della Carmen di Bizet.

Bei vestiti, bella gente

belle donne coperte d’oro

calde nelle loro pellicce,

con il posto prenotato

in palco o in platea,

sorridono a tutti

chiacchierando nel foyer…

Fuori dalla porta

Sopra un seggiolino,

dietro una colonna,

un Omino,

la barba bianca,

il cappello rovesciato,

è la coscienza

della nostra città.

Arriva Natale,

alè, tutti a far spesa al mercato

per comprare qualcosa di buono;

nelle Pescherie Vecchie

c’è una calca

che pare diano

la roba per niente.

Banchi pieni di tutto:

anguilla marinata, tortellini

e in alto file di capponi appesi,

tutti che si affannano

a mettere nelle sporte

anche cose esotiche

che poi verranno sciupate…

Proprio lì accanto,

col suo seggiolino,

in mezzo al freddo,

un Omino,

la barba bianca,

il suo cappello,

auguri a tutti un buon Natale.

Testo e musica di Fausto Carpani – 1992

 

Dove siamo

Contatti

Fraternità Cristiana Opera Padre Marella - Città dei Ragazzi

Via dei Ciliegi, 6
40068 San Lazzaro di Savena - Bologna

Tel: 051 6255070
Cell: 347 3852734
Fax: 051 6255174
E-mail: amministrazione@operapadremarella.it

TUTTI I CONTATTI